Jump to content

Statale Ss65 (passo Della Futa) Stateci Alla Larga!


Recommended Posts

mi sembra anche giusto, spetta a noi comportarci in modo da stare in sicurezza. Mica siamo all'asilo, ormai lo sappiamo cosa è giusto e cosa è sbagliato, prima ancora che lo facciamo.
Ma nonostate ciò che hai detto, che quoto al 100%, bisogna fare cassa e quindi non importa né il mio né il tuo comportamento corretto. 
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 52
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

......come quello del LOVE PARADE! Cerchiamo di sfatare il mito tedesco. In Italia sulla sicurezza stradale si stà facendo qualcosa di positivo malgrado i pochi soldi e l'opposizione di chi vorrebbe ancora fare centinaia e centinaia di morti o gente sulle carrozzelle. ciao
Personalmente questo che dici tu io non l'ho visto. Ho visto soltanto delle persone che debbono eseguire ordini, da altri che restano lontani dal "fronte", per far cassa.

 

Spiegami allora perché devo pagare 2 volte: 1 per la revisione

 

e l'altra per chi disautorizza la revisione.

 

 

Con quel criterio non credi sia meglio che ciascuno faccia come crede meglio (la cosa corretta sarebbe avere tutto in regola) ma che la revisione sia "GRATIS". NO certo, bisogna dare da mangiare a qualcuno, giusto?

 

 

Link to comment
Share on other sites

Innanzitutto trovo interessante e costruttivo aprire un forum sulla sicurezza stradale, anche vista dai motociclisti e per i motociclisti;

poi ci stanno tutte le polemiche del caso e le incazzature, conprensibili anche da parte di chi si è preso una multa;

io mi pongo rispetto alla sicurezza, controlli stradali, multe ecc..con una visuale particolare: per anni ho gareggiato in moto, ho la moto da quando avevo 16 anni (prima patente la "A") e da 23 anni faccio il vigile.

Quindi mi occupo di sicurezza stradale, di controlli e di sanzioni...oltre aimè a rilavare incidenti.

Domenica sono andato a Città di Castello facendo "Bocca Seriola" e sono tornato da "Viamaggio"....nel primo caso nessun controllo, nè autovelox fissi, nel secondo 6 autovelox fissi + 1 mobile...

In entrambi i casi missili su due ruote (magari con targhe mascherate) sfrecciavano obbligando chi transita nella corsia opposta a stare oltre 1 metro dalla mezzeria per non essere investito. Nessun riguardo x i centri abitati, presenza di persone o altro a bordo strada.

Penso che i missili di cui sopra siano un grosso problema per la collettività (costi sociali da affrontare x gli incidenti), un grosso rischio x chi abita su quelle strade, un capestro per gli altri motociclisti. Penso che l'amico dello specchietto è vittima del "missili" e non di altro...

Poi c'è altro...la sicurezza delle strade, la professionalità degli operatori di polizia, la correttezza dei motociclisti...

Per la sicurezza si spende poco e soprattutto non c'è alcun rispetto dei motociclisti nella progettazione delle strade (si vedano i guardrail a tagliola, alti da terra quanto basta per uccidere uno che cade in moto);

Spesso chi fa controlli su strada è incentivato ad elevare sanzioni x fare cassa (è assolutamente vero!) soprattutto con autovelox e macchinette varie, che non comportano un rapporto con l'utenza stradale...con il risultato di vanificare l'aspetto della prevenzione (i verbali arrivano a casa dopo mesi) e impedendo di valutare le singole situazioni, compreso la condizione generale della moto e le modifiche apportate.

I motociclisti però dovrebbero volerrsi più bene...troppi i morti sulla strada, troppi gli incidenti dovuti soprattutto alla velocità! Passare nello stretto di un paesino di montagna, a fianco delle persone sedute a bordo strada a più dei 100 è da delinquenti. Anche a me piace fare pieghe e aprire il gas...basta farlo lontano dagli abitati...(poi magari ci sanzionano lo stesso, ma non avremmo messo in pericolo nessuno...e non è poco!).

Le moto vanno rispettate...le modifiche possibili sono pochissime...le sanzioni molto salate.

Queste sono regole scritte e, se non cambiate, valgono...io penso che rispettare le regole (che riteniamo giuste o no) sia un valore...altrimenti, se ci pensate, non saremmo sicuri neppure di uscire di casa (x alcuni passare col rosso non è importante, l'assicurazione poco importante ecc..).

Vi ho fatto la paternale, ma è quello che penso e ritengo utile parlarne e confrontarsi...se noi motociclisti fossimo più seri ed educati, forse terminerebbero gli agguati sui passi appenninici.

P.S.: vi assicuro che per ogni nostra rimostranza sull'esagerazione di alcune sanzioni o il numero elevato di controlli, vi sono decine di esposti, denuncie delle persone che abitano nelle zone trasformate in circuiti alla domenica.

 

 

 

 

mi sembra anche giusto, spetta a noi comportarci in modo da stare in sicurezza. Mica siamo all'asilo, ormai lo sappiamo cosa è giusto e cosa è sbagliato, prima ancora che lo facciamo.
Link to comment
Share on other sites

chiedo scusa, vorrei modificare il titolo ma non sò come fare! ............CUT..........

 

Ho approfittato dei miei superpoteri di responsabile/moderatore per modificare il titolo :blush:

 

 

Innanzitutto trovo interessante e costruttivo aprire un forum sulla sicurezza stradale, anche vista dai motociclisti e per i motociclisti .............CUT ...........

 

Ho accorciato gli interventi, inserendo i puntini, esclusivamente per praticità di lettura.

 

Concordo al 100% con quanto esposto da Kinki82 e Glauco ed aggiungo, parlando in termini generali, che la sicurezza deve partire da dentro, da noi motociclisti, abituandoci ad utilizzare i dispositivi di protezione anche quando il caldo è opprimente, collegando il cervello alla manopola del gas e avendo più rispetto di noi e del prossimo. Nello stesso tempo anche gli automobilisti devone essere "educati" al rispetto dei motociclisti e ben vengano le recenti campagne il tal senso, infine le ammnistrazioni locali che si arricchiscono con i proventi delle multe dovrebbere destinare tali somme alla manutenzione delle strade, a campagne di prevenzione e più in generale a diffondere la cultura della sicurezza.

Link to comment
Share on other sites

concordo con te "Roy68"...i motociclisti dovrebbero volersi più bene...ed emerginare quelli che ci mettono in cattiva luce. Sarebbe utile, per migliorare le condizioni di sicerezza delle strade, farci "soggetto" propositore e segnalare quanto di pericoloso c'è sulle strade...molti sforzi, forse piccoli risultati...ma basterebbe un motociclista che si fa meno male e ne varrebbe la pena! a tal proposito un blog con foto e segnalazioni potrebbe farci pro.

 

 

 

Ho approfittato dei miei superpoteri di responsabile/moderatore per modificare il titolo :blush:

 

 

 

 

Ho accorciati gli interventi, inserendo i puntini, esclusivamente per praticità di lettura.

 

Concordo al 100% con quanto esposto da Kinki82 e Glauco ed aggiungo, parlando in termini generali, che la sicurezza deve partire da dentro, da noi motociclisti, abituandoci ad utilizzare i dispositivi di protezione anche quando il caldo è opprimente, collegando il cervello alla manopola del gas e avendo più rispetto di noi e del prossimo. Nello stesso tempo anche gli automobilisti devone essere "educati" al rispetto dei motociclisti e ben vengano le recenti campagne il tal senso, infine le ammnistrazioni locali che si arricchiscono con i proventi delle multe dovrebbere destinare tali somme alla manutenzione delle strade, a campagne di prevenzione e più in generale a diffondera la cultura della sicurezza.

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

......come quello del LOVE PARADE! Cerchiamo di sfatare il mito tedesco.

senza andare troppo fuori tema dico che quello della love parade è stato un clamoroso errore pagato troppo caro.

spostandola da berlino a essen è stato come spostare un concerto di vasco da san siro allo stadio comunale di zocca . hanno sottovalutato il rischio che quel maledetto tunnel anche se delle dimensioni di un hangar potesse tramutarsi in un imbuto mortale e così è stato.

si sono promessi in segno di rispetto di non ripeterla mai più, ma tengo a precisare che non è l'unica manifestazione tedesca un pò bizzarra, c'è anche il fusion festival o il più famoso oktoberfest dove milioni di persone per una settimana si ubriacano senza creare grossi problemi alla popolazione che sfrutta l'evento commercialmente.

a casa nostra abbiamo avuto l'esempio di marina di ravenna, da posto da zanzare si è tramutato in posto "figo" per poi diventare covo di ubriaconi risse e furti.

 

tornando in tema ringrazio glauco per la solidarietà e ammiro la sua onestà nell'ammettere che la prevenzione viene in secondo piano la priorità è far cassa, ma ho il timore che le cose non cambieranno tanto facilmente anche se da parte nostra ci si mette tutta la buona volotà di questo mondo. prendete l'esempio dei T-RED. che colpa ne hanno i poveri malcapitati che incappano in un semaforo abilmente truccato?!?! adesso giustamente si punta il dito verso i motociclisti e i più informati verso gli smanettoni, ma quando rossi si ritirerà l'effetto mediatico diminuirà quindi si smetterà di vendere R1 o similari tutti gli introiti precedentemente fatti da questo settore dove verranno recuperati?!?!?! la strada più ovvia semplice e redditizia mi sembra proprio quella vista domenica in raticosa.

 

Link to comment
Share on other sites

hai ragione Kinki82 ma...cosa possiamo fare se non rispettare le regole, batterci x cambiare quelle sbagliate (ad esempio l'eccessiva regolamentazione delle modifiche alla moto)e vigilare sul fatto che tutti siano corretti, compreso chi deve far rispettare le regole? Il caso del T.red è esemplare: i cittadini si sono ribellati e sono riusciti a far rispettare la legge a chi è istituzionalmente preposto...quindi occhio a quello che succede in strada...segnalare e protestare x agguati e velox privi di segnaletica (quelli in Toscana violano le disposizioni ministeriali perchè non sono sufficientemente segnalati)... Però sia chiaro a tutti i limiti sono da rispettare (magari insistere perchè in alcuni casi vengano rivisti) e non si deve passare con il rosso!

P.S.: l'ingegnere della MCTC non può accertare alcunchè al di fuori delle revisioni (presso la sede della MCTC) quindi non ha titolo di ispezionare i veicoli sulla strada, verificare DGM o altro...se accade occorre fare un esposto al Prefetto e magari alla Procura della Repubblica...x i colleghi poliziotti o altro, far ben presente che non hanno competenze tecniche e che nulla debbono ascoltare, su strada, di quello che riferisce o "accerta" l'ingegnere...ognuno il suo lavoro e la sua sede di lavoro!

 

senza andare troppo fuori tema dico che quello della love parade è stato un clamoroso errore pagato troppo caro.

spostandola da berlino a essen è stato come spostare un concerto di vasco da san siro allo stadio comunale di zocca . hanno sottovalutato il rischio che quel maledetto tunnel anche se delle dimensioni di un hangar potesse tramutarsi in un imbuto mortale e così è stato.

si sono promessi in segno di rispetto di non ripeterla mai più, ma tengo a precisare che non è l'unica manifestazione tedesca un pò bizzarra, c'è anche il fusion festival o il più famoso oktoberfest dove milioni di persone per una settimana si ubriacano senza creare grossi problemi alla popolazione che sfrutta l'evento commercialmente.

a casa nostra abbiamo avuto l'esempio di marina di ravenna, da posto da zanzare si è tramutato in posto "figo" per poi diventare covo di ubriaconi risse e furti.

 

tornando in tema ringrazio glauco per la solidarietà e ammiro la sua onestà nell'ammettere che la prevenzione viene in secondo piano la priorità è far cassa, ma ho il timore che le cose non cambieranno tanto facilmente anche se da parte nostra ci si mette tutta la buona volotà di questo mondo. prendete l'esempio dei T-RED. che colpa ne hanno i poveri malcapitati che incappano in un semaforo abilmente truccato?!?! adesso giustamente si punta il dito verso i motociclisti e i più informati verso gli smanettoni, ma quando rossi si ritirerà l'effetto mediatico diminuirà quindi si smetterà di vendere R1 o similari tutti gli introiti precedentemente fatti da questo settore dove verranno recuperati?!?!?! la strada più ovvia semplice e redditizia mi sembra proprio quella vista domenica in raticosa.

Link to comment
Share on other sites

glauco fammi capire tu che sei del mestiere.. la mia contravvenzione è illegittima?!?!

monto specchi privi di omologazione, mi sono stati contestati il verbale è stato emesso dalla polizia di stato.

la polizia di stato ha l'autorità di dichiarare che circolavo con un mezzo non conforme al CDS?ho qualche possibilità di fare ricorso e vincerlo?!?!?sul verbale ho dichiarato che sono parte della linea motomorini quindi prodotti dalla fabbrica(oramai fallita) non è per i 78 euro, certo non son pochi ma non mi cambiano la vita è per il modo in cui mi sono stati rapinati...

Link to comment
Share on other sites

postami una copia del verbale e una foto (fronte retro) dello specchietto

 

glauco fammi capire tu che sei del mestiere.. la mia contravvenzione è illegittima?!?!

monto specchi privi di omologazione, mi sono stati contestati il verbale è stato emesso dalla polizia di stato.

la polizia di stato ha l'autorità di dichiarare che circolavo con un mezzo non conforme al CDS?ho qualche possibilità di fare ricorso e vincerlo?!?!?sul verbale ho dichiarato che sono parte della linea motomorini quindi prodotti dalla fabbrica(oramai fallita) non è per i 78 euro, certo non son pochi ma non mi cambiano la vita è per il modo in cui mi sono stati rapinati...

Link to comment
Share on other sites

postami una copia del verbale e una foto (fronte retro) dello specchietto

eccoti le foto (le ho fatte col telefono oggi in pausa pranzo scusami se la definizione non è al top)

vni6mr.jpg

2vb91ki.jpg

ipsjvd.jpg

e quì allego il verbale

2n7pb46.jpg

 

tu che ne pensi?!?!?

grazie per l'interesse!!!!!

Link to comment
Share on other sites

gli specchietti mi sembrano non originali (almeno x quello che ho potuto vedere dalle foto su internet)...prova a cercare sulla calotta di plastica, sullo specchio, sul braccetto di sostegno se esiste una sigla...comunque vedo di metterti giù un ricorso...ti toccherà andare dal giudice di pace di Bologna, quando ti convocano...

 

eccoti le foto (le ho fatte col telefono oggi in pausa pranzo scusami se la definizione non è al top)

vni6mr.jpg

2vb91ki.jpg

ipsjvd.jpg

e quì allego il verbale

2n7pb46.jpg

 

tu che ne pensi?!?!?

grazie per l'interesse!!!!!

Link to comment
Share on other sites

gli specchietti non hanno nessuna sigla ma fanno parte del catalogo accessori motomorini.

purtroppo questo catalogo a meno che qualcuno non abbia una copia cartacea on line non è più consultabile

visto che motomorini è fallita, cmq il link era questo:

www.motomorinicompetizione.com

ti chiedo una cosa, se per caso il ricorso non viene accettato a cosa vado in contro?!?!?

non vorrei trovarmi a pagare fiorfiore d'euri per mantenere una battaglia contro i mulini a vento, sai alla fine sono sempre un povero operaio..

ancora grazie mille per l'interessamento mi auguro davvero che capiti un occasione dove ci si potrà conoscere di persona così da poterti ringraziare dal vivo!

Link to comment
Share on other sites

premesso che un discorso sulla sicurezza su un forum è un po complicto, sarebbe meglio parlarne di persona, anche se non si può per logistica, vorrei solo dare fiato ai miei pensieri, anche se non sono molto costruttivi:

 

L'uomo, nonostante lo stato obblighi un venditore a scrivere sul proprio prodotto che quest'ultimo fa morire, continua beatamente a fumare, pensando che " ma si, c'è tempo, ma si, agli altri ma non a me".

 

l'uomo ha bisogno di essere OBBLIGATO, ad indossare la cintura di sicurezza in macchina, e se non ci fosse la minaccia di decurtazione dei punti, probabilmente cercherebbe di non indossarla;

 

L'uomo quando attraversa la strada, e si accorge che l'automobilista l'ha visto, non si affretta a togliersi di mezzo, ma lo fa con calma, come a dire " ....mò aspetti", strisce o non strisce, dimenticando che i freni possono rompersi e le persone possono distrarsi;

 

l'uomo motociclista ha bisogno di essere obbligato ad indossare il casco, e nonostante esista l'obbligo si vedono dei caschi non omologati - i cocchi- in testa a persone adulte.

 

De che volemo parlà....?!7

 

Io? Io -non per essere migliore di nessuno- da quando avevo il 5oino, già grandicello, non ho mai indossato altro che un casco integrale, da quando vado in moto ho giacca guanti e -soprattutto- tartaruga, anche con 50 gradi; però negli occhi di chi mi guarda leggo ancora stupore, ironia, mai una faccia tipo "ah, vedi però, ora lo faccio pure io".

 

Come si può pensare che un utente della strada si preoccupi degli altri se non ha la cultura per preoccuparsi di se stesso?

 

ecco, lo sapevo, ho fatto il papà....

Link to comment
Share on other sites

gli specchietti non hanno nessuna sigla ma fanno parte del catalogo accessori motomorini.

purtroppo questo catalogo a meno che qualcuno non abbia una copia cartacea on line non è più consultabile

visto che motomorini è fallita, cmq il link era questo:

www.motomorinicompetizione.com

ti chiedo una cosa, se per caso il ricorso non viene accettato a cosa vado in contro?!?!?

non vorrei trovarmi a pagare fiorfiore d'euri per mantenere una battaglia contro i mulini a vento, sai alla fine sono sempre un povero operaio..

ancora grazie mille per l'interessamento mi auguro davvero che capiti un occasione dove ci si potrà conoscere di persona così da poterti ringraziare dal vivo!

 

 

vuoi un consiglio: in Itaglia (non ho sbagliato a scrivere) per 78€ non vale la pena fare ricorso. Lo so che da fastidio, ma solo per presentarlo ne devi tirar fuori 38 di marca da bollo che non recuperi cmq. A quel punto il risparmio finale, se vinci, è di 40€. Vale la pena?

Link to comment
Share on other sites

ho visto anch'io il sito ma non è più attivo...sarebbe utile che qualcuno ci aiutasse (tu non riesci a decifrare di che marca sono?)...comunque per il costo dell'operazione è di 38 euro oltre alla perdita della 1/2 giornata di lavoro dal giudice di pace...la sanzione non raddoppia e di solito (sempre) il giudice, se decide in modo contrario al ricorrente, non gli addebita spese.

In caso di vittoria 30 euro dei 38 versati si possono recuperare (dallo Stato??!!)...quindi valuta la situazione. L'alternativa è ricorrere al Prefetto...è rischioso perchè se perdi ti fa pagare il doppio. Io il ricorso intanto te lo preparo, poi decidi tu...nel frattempo appellaiamoci a chi può darci una mano sulla provenienza dello specchietto

 

 

gli specchietti non hanno nessuna sigla ma fanno parte del catalogo accessori motomorini.

purtroppo questo catalogo a meno che qualcuno non abbia una copia cartacea on line non è più consultabile

visto che motomorini è fallita, cmq il link era questo:

www.motomorinicompetizione.com

ti chiedo una cosa, se per caso il ricorso non viene accettato a cosa vado in contro?!?!?

non vorrei trovarmi a pagare fiorfiore d'euri per mantenere una battaglia contro i mulini a vento, sai alla fine sono sempre un povero operaio..

ancora grazie mille per l'interessamento mi auguro davvero che capiti un occasione dove ci si potrà conoscere di persona così da poterti ringraziare dal vivo!

Link to comment
Share on other sites

se penso che devo perdere una giornata di lavoro..la risposta è ovvia. NO.

però ti giuro che mi rode eccome mi rode..aspetto l'opinione di glauco poi decido.

rimane il fatto che ste cose devono finire.

non pretendo che sia questa community ad'avviare una crociata contro le istituzioni ma finiamola di farci spennare come polli.

oggi ripensando a quello che glauco ha detto che cioè la motorizzazione al di fuori delle sue sedi non ha nessuna autorità mi è venuta la voglia di tornare su in regola al 100% e filmare il tutto per poi divulgarlo a qualche mass media.

in passato lo feci quando entrò in vigore la legge anti autovelox trappola.

il comune di marano SP si ostinava a piazzare auto civetta non segnalate con il palese intento di far cassa.

mi fermai fotografai il tutto e inviai una foto alla gazzetta di modena e una al comune di marano informando che pure la gazzatta era a conoscienza del fatto.

nessuno mi cagò però li non si mettono più.

magari non è stato merito mio non posso saperlo ma spero di aver contribuito anche solo all'1%

Link to comment
Share on other sites

 

 

..nel frattempo appellaiamoci a chi può darci una mano sulla provenienza dello specchietto

conosco un sacco di persone che lavoravano in morini magari riesco a recuperare un catalogo cartaceo ma mi hanno già confermato che sul suddetto catalogo era ben evidenziato che gli specchietti erano destinati solo a un utilizzo in aeree private. quindi non omologati

Link to comment
Share on other sites

io credo che ti stia arrampicando sugli specchi, perchè che quegli specchi non fossero omologati era scritto da qualche parte se ho capito bene. Se ti fossero stati spacciati per omologati potresti al massimo rivalerti su colui chi te li ha venduti, sempre che tu riesca a dimostrare d'essere stato ingannato.

Però colui è la stessa Morini, che lo segnalava che non erano regolamentari, per cui non ce ne vieni fuori cmq.

Link to comment
Share on other sites

io credo che ti stia arrampicando sugli specchi, perchè che quegli specchi non fossero omologati era scritto da qualche parte se ho capito bene. Se ti fossero stati spacciati per omologati potresti al massimo rivalerti su colui chi te li ha venduti, sempre che tu riesca a dimostrare d'essere stato ingannato.

Però colui è la stessa Morini, che lo segnalava che non erano regolamentari, per cui non ce ne vieni fuori cmq.

hai ragione era scritto. come ho detto ho un buon rapporto con alcune persone dell'ex organico morini e durante una delle diverse visite in fabbrica mi erano stati dati così, alla buona. li chiesi e me li montarono senza troppe domande.

mea culpa dovevo controllare.

l'idea di un eventuale (a sto punto improbabile) ricorso prendeva la strada non dell'omologazione ma dell'eventuale

errata contestazione, cioè con quale autorità un dipendente della MTCT può dichiarare cose al di fuori della sua sede di lavoro? e le forze dell'ordine sono tenute o meno ad'ascoltarlo? in oltre hanno le competenze per valutare da solo se codesto accessorio è o meno in regola con il CDS?

lo sò sono nel torto, sono un testone maledetto mi stà sul cazzo solo l'imboscata che mi hanno fatto.

la via più conveniente come consigli tu è probabilmente quella di pagare e SVILUPPARSI però ho 60 giorni per pagare, e se trovo anche solo un cavillo nel loro operato che mi garantisca di vincere il ricorso potrei davvero provare a prendere questa strada.

in fondo anche loro hanno trovato un "cavillo" nella mia moto no!?!?

non mi battezzare male sono solo un dannato testone!

 

Link to comment
Share on other sites

la vedo dura riuscire a contestare una multa che ci sta tutta con la motivazione che è stato uno non autorizzato ad accorgersene e che poi ha fatto la "spia" al carabiniere che invece poteva fartela la contravvenzione (e te l'ha fatta) . Se convocato questo qua dice che non è vero, che se n'era accorto personalmente, è la tua parola contro la sua, la violazione c'è stata ed è incontestabile, il GDP non ti da ragione neanche se gli punti una pistola alla tempia.

Link to comment
Share on other sites

...

 

Come si può pensare che un utente della strada si preoccupi degli altri se non ha la cultura per preoccuparsi di se stesso?

 

...

Il resto non lo commento perché condivido il tuo discorso 100%.

 

Riguardo alla cultura per preoccuarsi di se stessi penso che, visto gli sprechi che ci sono, lo stato potrebbe dare più ascolto a chi si trova in prima fila tutti i giorni e vedono incidenti dalla mattina alla sera; mi riferisco ai ragazzi che fanno il vigile, polizia, carabinieri, vigili del fuoco, e via discorrendo. Loro, fanno e propongono ai sueriori tantissime cose per migliorare la sicurezza, ma non vengono ascoltati. Poi ci sono le diverse associazioni che si battono a spada tratta per noi e molte volte in silenzio.

 

 

Poi c'è il discorso dei pedoni che qui se ne fregano della loro integrità fisica ed attraversano come e quando li pare e dicono: frena che sono un pedone, bla bla bla, senza rendersi conto che, come ben dici, i vehicoli possono non frenare per diverse cause; addiritura ho visto dei genitori che fanno attraversare prima il passegino dei bimbi, prima ancora che i veicoli si siano completamente arrestati, roba da matti!!!!

 

Personalmente, proporrei alle autorità, di far vedere con dei bei cartelli, in posti che non distraggano troppo al conducente, con delle foto di gente incidentata, siano di pedoni o dei conduttori di qualsiasi veicolo.

 

Parlo di far vedere delle foto vere, parlo di far vedere delle teste mozzate, schiacciate dalla ruota di un camion, inchiodate ad in oggetto pungente che c'era li sul posto dell'incidente. Parlo di far vedere un corpo a brandelli, delle ossa esposte, etc.

 

No certo, non lo farebbero perché è scioccante e politicamente scorretto e fa volar via dei voti!!!!

 

Alcuni amici miei mi prendono in giro perché non corro e non vado oltre una certa velocità; è vero, ma non lo faccio perché c'è una legge che me lo vieta. Onestamente non avrei bisogno di tutti questi divieti perché ci tengo alla mia vita tanto ed a quella degli altri. Se faccio il pazzo, sicuramente lo faccio mentre son da solo perché ormai considero che non ho niente da dimostrare a nessuno ed è più sicuro. Se voglio ammazzarmi non devo rompere le balle agli altri. 

 

Forse sono così perché ho visto degli incidenti orrendi nella mia vita e so, per certo che uno si può fare veramente male anche a 3km/h. In vita mia sono stato presente ed in diretta in situazioni in cui, ragazzi volavano più di 30 metri e cadevano, uno con la testa direttamente sul maciapiede, l'altro davanti al parabrezza di un camion che veniva in senso contrario. Ho visto una macchina andare dritto contro un burrone e cadere 200 più giù da una montagna. Ho visto come un piccolo pezzo di paraurti, tagliava la gamba di una ragazza all'altezza del femore. HO visto un mio amigo, fare lo "splendido" con una Xt600 e finire a 70km/h dentro un autobus che veniva in senso contrario e morire. Ho visto un camion davanti a me, buttato giù dal vento patagonico. Ho visto scontrarsi 2 machine di fronte a più di 130km/h ciascuna e salvarmi grazie ai margini della distanza di sicurezza che lascio con le macchine davanti. Ho visto un camion restare senza freni davanti ad un semaforo in rosso amazzando 3 pedoni che credevano che per essere pedoni ed avevano il semaforo per attraversare, non ascoltavano la tromba del poveretto che finì in galera e poi nel manicomio dal trauma rimastogli. Ho visto morire un pirlone che faceva le gare, andare dritto contro una rotatoria, essere disarcionato dalla moto, volare, cadere (col casco regolarmente al suo posto) ma ricevere nella gola la leva del freno della moto che gli era caduta adosso. Insomma ho visto cose così orrende che mi hanno fatto riflettere sulla nostra fragilità fisica.

 

Sono convinto che se le gente di qualsiasi tipo vedesse almeno un 20% di quelle cose tristi che ho dovuto vedere e vivere, oggi sicuramente saremmo tutti molto più consapevoli dei pericoli della strada.

 

Scusate se mi sono dilungato troppo.

 

Saludos.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Avete tutti ragione, "Cesar", "Nicolamn"... ricorrere non vuol dire vincere e nel caso di specie non sarà facile vincere...però ci sono due punti che vorrei sottolineare: 1) Fare ricorso vuol dire non abbassare la testa; se si ritiene di aver subito un'ingiustizia x me val la pena provare; se non ci fosse chi ricorre alcune situazioni non sarebbero mai cambiate...però come ho già scritto occorre essere "vigili" e segnalare gli abusi che spesso ci sono (ad esempio i velox nascosti e non segnalati). 2) Il giudice di pace "giudica secondo giustizia" e non in semplice applicazione della norma...tradotto, contestualizza la situazione, vede il ricorrente, sente le sue ragioni, cerca di capire la buona fede, oltre alla ragioni dei verbalizzanti...quindi accade che si vincano ricorsi perchè il giudice crede nella buona fede del ricorrente o valuti eccessiva la sanzione o comunque non congrua al contesto (ricordiamoci che i controlli erano finalizzati alle velocità ed ai rumori provocati dai motociclisti...).

Tutto il resto è, come altri hanno già scritto, teoria ecc...

Comunque, non mi stancherò di ribadirlo, vogliamoci + bene...vogliamo bene alle zone dove andiamo in moto...un buon rapporto con chi ci abita risolve molti problemi...

Sui controlli ed i controllori...si leggano le cronache degli ultimi anni...dal Genova G8 al caso Aldrovandi a Cucchi e, probabilmente molti altri...ci sono sempre meno poliziotti, vigili, carabinieri sulla strada, che quindi agiscono in modo sempre + repressivo...le pattuglie non fanno + controlli, con presenza sul territorio ma fanno agguati, utilizzano sistemi elettronici x fare cassa...già la cassa, sappiate che con il venir meno dei "trasferimenti" dallo Stato centrale agli enti locali, sempre più importanza avranno le entrate delle multe quindi vengono annualmente messi a bilancio milioni di euro che i vari comandanti devono raggiungere come obiettivo, pena decurtazione dei premi di risultato...immaginate in quale situazione serena si trova che opera su strada...con peraltro un codice della strada che 2 volte all'anno viene modificato (prossima modifica tra pochi giorni operativa) aumentandosempre più le sanzioni, divenute spropositate e spesso imbarazzanti anche per chi deve comminarle...

 

Il resto non lo commento perché condivido il tuo discorso 100%.

 

Riguardo alla cultura per preoccuarsi di se stessi penso che, visto gli sprechi che ci sono, lo stato potrebbe dare più ascolto a chi si trova in prima fila tutti i giorni e vedono incidenti dalla mattina alla sera; mi riferisco ai ragazzi che fanno il vigile, polizia, carabinieri, vigili del fuoco, e via discorrendo. Loro, fanno e propongono ai sueriori tantissime cose per migliorare la sicurezza, ma non vengono ascoltati. Poi ci sono le diverse associazioni che si battono a spada tratta per noi e molte volte in silenzio.

 

 

Poi c'è il discorso dei pedoni che qui se ne fregano della loro integrità fisica ed attraversano come e quando li pare e dicono: frena che sono un pedone, bla bla bla, senza rendersi conto che, come ben dici, i vehicoli possono non frenare per diverse cause; addiritura ho visto dei genitori che fanno attraversare prima il passegino dei bimbi, prima ancora che i veicoli si siano completamente arrestati, roba da matti!!!!

 

Personalmente, proporrei alle autorità, di far vedere con dei bei cartelli, in posti che non distraggano troppo al conducente, con delle foto di gente incidentata, siano di pedoni o dei conduttori di qualsiasi veicolo.

 

Parlo di far vedere delle foto vere, parlo di far vedere delle teste mozzate, schiacciate dalla ruota di un camion, inchiodate ad in oggetto pungente che c'era li sul posto dell'incidente. Parlo di far vedere un corpo a brandelli, delle ossa esposte, etc.

 

No certo, non lo farebbero perché è scioccante e politicamente scorretto e fa volar via dei voti!!!!

 

Alcuni amici miei mi prendono in giro perché non corro e non vado oltre una certa velocità; è vero, ma non lo faccio perché c'è una legge che me lo vieta. Onestamente non avrei bisogno di tutti questi divieti perché ci tengo alla mia vita tanto ed a quella degli altri. Se faccio il pazzo, sicuramente lo faccio mentre son da solo perché ormai considero che non ho niente da dimostrare a nessuno ed è più sicuro. Se voglio ammazzarmi non devo rompere le balle agli altri.

 

Forse sono così perché ho visto degli incidenti orrendi nella mia vita e so, per certo che uno si può fare veramente male anche a 3km/h. In vita mia sono stato presente ed in diretta in situazioni in cui, ragazzi volavano più di 30 metri e cadevano, uno con la testa direttamente sul maciapiede, l'altro davanti al parabrezza di un camion che veniva in senso contrario. Ho visto una macchina andare dritto contro un burrone e cadere 200 più giù da una montagna. Ho visto come un piccolo pezzo di paraurti, tagliava la gamba di una ragazza all'altezza del femore. HO visto un mio amigo, fare lo "splendido" con una Xt600 e finire a 70km/h dentro un autobus che veniva in senso contrario e morire. Ho visto un camion davanti a me, buttato giù dal vento patagonico. Ho visto scontrarsi 2 machine di fronte a più di 130km/h ciascuna e salvarmi grazie ai margini della distanza di sicurezza che lascio con le macchine davanti. Ho visto un camion restare senza freni davanti ad un semaforo in rosso amazzando 3 pedoni che credevano che per essere pedoni ed avevano il semaforo per attraversare, non ascoltavano la tromba del poveretto che finì in galera e poi nel manicomio dal trauma rimastogli. Ho visto morire un pirlone che faceva le gare, andare dritto contro una rotatoria, essere disarcionato dalla moto, volare, cadere (col casco regolarmente al suo posto) ma ricevere nella gola la leva del freno della moto che gli era caduta adosso. Insomma ho visto cose così orrende che mi hanno fatto riflettere sulla nostra fragilità fisica.

 

Sono convinto che se le gente di qualsiasi tipo vedesse almeno un 20% di quelle cose tristi che ho dovuto vedere e vivere, oggi sicuramente saremmo tutti molto più consapevoli dei pericoli della strada.

 

Scusate se mi sono dilungato troppo.

 

Saludos.

Link to comment
Share on other sites

Guest Rino74

Quindi se gli specchietti non sono omologati, tu sei consapevole di questo, non ha piu senso fare il ricorso, sarebbe perso in partenza ....

 

Grazie a Nicola e Glauco per le precise informazioni, e grazie anche a Cèsar e Capitan Ventosa hahahaha per la riflessione personale, che condivido in parte .....

 

Regione che vai Futa che trovi ....

Link to comment
Share on other sites

 Share


×
×
  • Create New...