Jump to content

Considerazioni Su Lampade A Led E Regolatore


mario rd03
 Share

Recommended Posts

Sempre più di frequente mi capita di incrociare per strada moto che montano lampade a led, non previste in origine dalla casa costruttrice, come ricambio aftermarket.

Certamente la luce che queste lampade emettono è molto più intensa e conferisce anche un look più moderno al mezzo, oltre ad aumentare la sicurezza attiva (vedere meglio) e passiva (essere visti).

Se si cerca su un qualsiasi sito di e-commerce, se ne trovano di tutti i tipi e per tutte le tasche.... però?

Tralasciando la CRF (che nasce già coi fari a led), ho fatto un rapido giro scoprendo che:

- lampade H4 a led omologate esistono solo della Philips e costano uno sproposito;

- in generale le lampade a led per i fari non sono omologate per le moto che non siano nate già munite di questi dispositivi.

 

Vabbè, dice uno, chi se ne frega... le monto lo stesso, proprio me devono fermare?

E' una teoria anche questa, non è detto che debba capitare la botta di sfiga di essere fermati da una pattuglia e che controllino i fari.

Però mi è venuto in mente anche un altro aspetto.

Siamo sempre preoccupati di verificare il regolatore di tensione delle nostre beneamate ed a prevenire i disastri che un suo malfunzionamento può causare.

Ho riflettuto che - a fronte d'una disponibilità di 360 W erogati dallo statore - se montassimo lampade a led (che notoriamente assorbono pochi watt pur producendo un elevato numero di lumen) il regolatore di tensione entrerebbe in crisi, dovendo smaltire in termini di calore l'eccesso di corrente che non verrebbe più assorbita dai fari (110 watt delle due lampade anabbaglianti non sono pochi).

Non sono bravo in questioni di natura elettrica, perciò chiedo a chi ne sa di più se questo mio ragionamento è campato per aria, o se ha un qualche senso... la parola agli esperti!

Grazie e lamps a tutti.

Link to comment
Share on other sites

Ciao Mario,

 

tralasciando la parte legale di cui non so una cippa, per quanto riguarda il regolatore...sì!

 

Io monto ancora il regolatore originale nella posizione originale...100 000 km fatti interamente col faro acceso e mai avuto problemi. Ero preoccupato all'inizio e lo controllavo spesso, ora non lo controllo più.

Link to comment
Share on other sites

Se le lampade assorbono meno anche il regolatore ne giova, surriscaldandosi di meno. Credo, non ne sono certo, se lo spunto all’avvio dei fari essendo diverso possa fare danni, ma per lo stesso ragionamento iniziale, il minor assorbimento non può che essere innocuo.

Link to comment
Share on other sites

La cosa mi interessa, me lo sono chiesto anch'io... Però se così fosse il regolatore sarebbe progettato per un impianto luci SEMPRE acceso! e che girare con le luci spente, al di là della sicurezza, sarebbe dannoso!

E' così?

Attilio

Link to comment
Share on other sites

Premetto che non sono esperto ma ho fatto un po' di esperienza con le mie vecchiette.

Punto di partenza è capire come funziona il regolatore e statore.

Ti allego un link facile e intuitivo per me.

 

http://www.belinassu.it/396108572

 

Mettere i led non conviene si evince dalla lettura soprattutto su statore che producono 350 w consigliabile invece un kit xeno se vuoi più luce ( qui si aprirebbe poi un altra discussione per passaggio alla revisione) ma il consumo è più alto rispetto al led e il regolatore non deve dissipare.

 

Sulla mia vecchietta avevo lo statore che emetteva solo 250 wat... mai avuto un problema salvo batteria al limite se viaggiavo di notte con abbaglianti accesi.

 

Sulla seconda vecchietta con statore da 350 watt 2 regolatori bruciati, connettori bruciati e fusibili saltati per eccesso di tensione.

Qui iniziai ad aumentare la sezione dei cavi, raddoppiare la messa a terra.

 

L'equilibrio tra potenza erogata dallo statore e assorbimento reale penso che faccia la reale differenza affinché un regolatore possa durare.

 

Magari sbaglio... Ma per esperienza mi sembra che sia così di base, chi ne sa" di più si faccia avanti :)

 

Sempre più di frequente mi capita di incrociare per strada moto che montano lampade a led, non previste in origine dalla casa costruttrice, come ricambio aftermarket.

Certamente la luce che queste lampade emettono è molto più intensa e conferisce anche un look più moderno al mezzo, oltre ad aumentare la sicurezza attiva (vedere meglio) e passiva (essere visti).

Se si cerca su un qualsiasi sito di e-commerce, se ne trovano di tutti i tipi e per tutte le tasche.... però?

Tralasciando la CRF (che nasce già coi fari a led), ho fatto un rapido giro scoprendo che:

- lampade H4 a led omologate esistono solo della Philips e costano uno sproposito;

- in generale le lampade a led per i fari non sono omologate per le moto che non siano nate già munite di questi dispositivi.

 

Vabbè, dice uno, chi se ne frega... le monto lo stesso, proprio me devono fermare?

E' una teoria anche questa, non è detto che debba capitare la botta di sfiga di essere fermati da una pattuglia e che controllino i fari.

Però mi è venuto in mente anche un altro aspetto.

Siamo sempre preoccupati di verificare il regolatore di tensione delle nostre beneamate ed a prevenire i disastri che un suo malfunzionamento può causare.

Ho riflettuto che - a fronte d'una disponibilità di 360 W erogati dallo statore - se montassimo lampade a led (che notoriamente assorbono pochi watt pur producendo un elevato numero di lumen) il regolatore di tensione entrerebbe in crisi, dovendo smaltire in termini di calore l'eccesso di corrente che non verrebbe più assorbita dai fari (110 watt delle due lampade anabbaglianti non sono pochi).

Non sono bravo in questioni di natura elettrica, perciò chiedo a chi ne sa di più se questo mio ragionamento è campato per aria, o se ha un qualche senso... la parola agli esperti!

Grazie e lamps a tutti.

Inviato dal mio RNE-L21 utilizzando Tapatalk

Link to comment
Share on other sites

Mah, post interessante, io vorrei tanto mettere un paio di led, ho la carena rally ed onestamente non ci si vede un tubo... comunque andrò di faretti (LED..) però avere anche i due fari principali a led non sarebbe male. Quello che mi viene da dire è che trattandosi di "Vecchiette", quando sono state progettate non era ancora obbligatorio andare in giro con i fari sempre accesi, quindi forse tutto questo male al regolatore non lo facciamo.

Certo è che il ragionamento non è "meno lo carico meglio sta", visto che butta sempre fuori la stessa potenza, o in amperes o in calore... forse con il regolatore consigliato da Belinassu, si potrebbe pensare, mi piacerebbe sentire il parere di Lex, se ancora "gira da queste parti"!

Link to comment
Share on other sites

Il regolatore si accolla l'energia prodotta dallo statore e non dissipata dalle utenze...ed ecco perché si scalda,e si brucia.Oppure cuoce fili e connettori.

Faccio una considerazione personale...È vero che le vecchiette non sono state progettate in epoca di obbligo di luci accese,ma é pur vero che le batterie di quei tempi non erano molto efficienti e necessitavano di una ricarica consistente e costante.

 

Personalmente ho un mosfet e non risento molto del problema.Per il discorso lampade led:ne ho montata solo una ed abbassato al massimo la regolazione del fascio luminoso.In piu ho dei faretti a lec aggiuntivi da 27 w cad/uno.Non ho fatto ancora un test notturno x capire se danno fastidio o meno(qui a Napoli é un dilagare di scooter e moto con fari da bruciature di retina....),ma la luce é tanta anche cosí.

Edited by Freddy75
Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...