Jump to content

Fari Carena Rally


Gio75
 Share

Recommended Posts

Salve, ho un quesito da porvi, qualcuno ha montato la lampada h4 55w in sostituzione delle 35w su i fari che si usano sulla carena rally? Quelli della pegaso intendo.

Sto per montare la carena rally ma ho notato che i fari non fanno molta luce, se riesco a montarle rischio di bruciare le parabole? I fari hanno l'esterno in vetro.

Mi consigliate di montare dei fari aggiuntivi magari a led? A tal proposito ne avevo visti su ebay qualcosa che sviluppa 900 lm per uno? Cosa ne dite?

 

Grazie

Link to comment
Share on other sites

Io sulla carena rally sto montando dei fari da 55W trovati su ebay in inghilterra a circa 60€ spediti, sono quelli per mettere il doppio faro sulle moto naked o custom e come supporto hanno due gusci in lamiera bombata. Provati fanno una bella luce, niente a che vedere con quella del pegaso.

 

Per montarli ho eliminato questi suporti che sono pesanti e ingombranti e mi sto facendo un telaietto in allumnio (due piastre forate che le chiudono a panino) dove alloggiare le due parabole, il telaietto andrà poi fissato quasi alla stessa maniera del faro pegaso (due silenblock in alto e la vite di regolazione con lamolla in basso) 

Link to comment
Share on other sites

sui fari pegaso si possono montare le lampade da 55W

io e altri lo abbiamo fatto.

ti segnalo però che nel tempo ad alcuni fanali si sono scollati i vetri.

Di per sè non è nulla di grave, perchè si possono riattaccare con del silicone,

se non chè quando smonti la carena e non ti accorgi cascano a terra rompendosi!

Link to comment
Share on other sites

Si idubbiammente sparano molta più luce ma li ho provati con gli originali ma non mi hanno entusiasmato e poi non escludo che scaldino più delle 55w. Invece stavo valutando il kit led con le ventoline da 3000lm ma non so la resa.

Link to comment
Share on other sites

Io sulla carena rally sto montando dei fari da 55W trovati su ebay in inghilterra a circa 60€ spediti, sono quelli per mettere il doppio faro sulle moto naked o custom e come supporto hanno due gusci in lamiera bombata. Provati fanno una bella luce, niente a che vedere con quella del pegaso.

 

Per montarli ho eliminato questi suporti che sono pesanti e ingombranti e mi sto facendo un telaietto in allumnio (due piastre forate che le chiudono a panino) dove alloggiare le due parabole, il telaietto andrà poi fissato quasi alla stessa maniera del faro pegaso (due silenblock in alto e la vite di regolazione con lamolla in basso) 

Anch'io ho fatto così, doppi fari naked da uk con eliminazione dei supporti (che sarebbero anche belli ma effettivamente pesano troppo ed inoltre sono più larghi dei fori sulla carena rally)

Non ho ancora fatto il telaietto però invece che in alluminio pensavo di farlo in policarbonato da 1 cm ed incollarci i fari con l'epossidica.

Link to comment
Share on other sites

Anch'io ho fatto così, doppi fari naked da uk con eliminazione dei supporti (che sarebbero anche belli ma effettivamente pesano troppo ed inoltre sono più larghi dei fori sulla carena rally)

Non ho ancora fatto il telaietto però invece che in alluminio pensavo di farlo in policarbonato da 1 cm ed incollarci i fari con l'epossidica.

Ho paura che la resina epossidica non attacchi al policarbonato, poi non mi sembra abbia delle gran qualità meccaniche sto materiale.......piuttosto il lexan, ma resta il fatto che non lo incolli e mi sa che alla fine della fiera pesa più che l'allumnio

Link to comment
Share on other sites

Ragazzi, attenzione ai fari con provenienza dall'Inghilterra.

Come certo sapete, là si guida a sinistra, quindi alcuni fari venduti nel Regno Unito hanno il fascio di luce che si direziona a sinistra, quindi sulle nostre strade darebbe fastidio ai veicoli provenienti in senso contrario.

E' per questo che alcune auto inglesi, quando vengono in Europa, montano sui fari adesivi neri che limitano il fascio luminoso.

 

Vi riporto qui di seguito qualche nozione trovata in rete sull'argomento "fari", precisando che - come al solito in Italia - chi ti ferma per un controllo può non essere adeguatamente informato su questi aspetti, anche in ragione della normativa europea e dei regolamenti che si succedono, e che ha sempre la possibilità di elevare una sanzione (salvo poi il diritto di fare ricorso e farla revocare, ma costa tempo e denaro).

Il mio suggerimento, se si deve sostituire la fanaleria di serie, è quello di montare fari che rispettino (almeno nella stampigliatura delle sigle) quanto previsto da mamma Honda sui fari di serie; un'eventuale contestazione sul tipo di faro sostitutivo sarà più difendibile, e magari - spiegando che si tratta di fari con le stesse caratteristiche di quelli di serie - l'agente comprenderà e non farà il verbale.

Ecco qualche indicazione utile sui fari da acquistare.

Controllare innanzitutto che i fari siano omologati per l'uso sulle nostre strade (omologazione E stampigliata sul vetro, seguita dal numero dello stato che ha omologato il faro: 1 – Germania, 2 – Francia, 3 – Italia, 4 – Paesi Bassi, 5 – Svezia, 6 – Belgio, 7 – Ungheria, 8 – Repubblica Ceca, 9 – Spagna, 10 – Serbia, 11 – Regno Unito).

In genere, sotto al marchio circolare, è riportata una serie numerica: le prime due cifre indicano qual’era, al momento dell’omologazione, l’adeguamento tecnico più recentemente apportato al Regolamento applicabile (tali numeri possono anche apparire sopra al marchio circolare); le altre cifre, invece, costituiscono il numero di omologazione del componente.
Vi sono poi ulteriori simboli: sui proiettori destinati soltanto alla circolazione a sinistra, una freccia orizzontale orientata verso destra (guardando il faro di fronte); se destinati a entrambi i sensi di circolazione, una freccia orizzontale a due punte; su quelli destinati alla circolazione a destra, non si richiede invece alcuna particolare iscrizione.
Sui proiettori che soddisfano la normativa applicabile soltanto per ciò che concerne i fasci anabbaglianti, viene riportata (solitamente) al di sopra del marchio circolare la lettera “C” se i fari appartengono alla classe A (ossia se funzionano con lampade a filamenti di tungsteno) o le lettere “HC” se appartengono alla classe B (ossia se funzionano con lampade alogene o a led).
Qualora invece soddisfino la normativa internazionale soltanto per i fasci abbaglianti, deve comparire la lettera “R” su fari di classe A e le lettere “HR” su quelli di classe B.
Infine, nel caso in cui vengano rispettate le prescrizioni applicabili relativamente ai fasci sia anabbaglianti che abbaglianti, la sigla “CR” per la classe A e la sigla “HCR” per la classe B.
Inoltre, se il trasparente è in materiale plastico, accanto alle lettere sopraddette deve comparire l’iscrizione “PL”. .
Qualora poi il proiettore sia stato progettato in modo che il fascio anabbagliante principale non possa accendersi simultaneamente ad altro dispositivo d’illuminazione con cui sia reciprocamente incorporato, compare anche una linea obliqua (“/”); inoltre, quando si tratta di proiettori muniti di lampade a filamento, verrà apposto vicino al portalampada il simbolo “24” sbarrato da una “X”.
Tali marcature devono essere chiaramente leggibili e indelebili; possono essere situate su una parte interna o esterna del proiettore, non rilevando che si tratti o meno del trasparente (non hanno quindi alcun fondamento le tesi di alcuni agenti, secondo cui se non compare il simbolo “E” sul vetro, il faro non è omologato).
L’importante è che l’incisione sia effettuata su una parte inseparabile dal trasparente e che sia sempre visibile a proiettore installato, ovvero se si apre una sua parte mobile.
Link to comment
Share on other sites

Ho paura che la resina epossidica non attacchi al policarbonato, poi non mi sembra abbia delle gran qualità meccaniche sto materiale.......piuttosto il lexan, ma resta il fatto che non lo incolli e mi sa che alla fine della fiera pesa più che l'allumnio

 

Bello il lavoro che hai fatto, ma hai tagliato a mano le 2 lastre di alluminio? Avevo pensato una cosa simile e per non complicarmi la vita volevo usare il policarbonato; tieni conto comunque che Il Lexan è un policarbonato, le caratteristiche meccaniche non sono male visto che viene utilizzato per le protezioni e per gli oblò, l'unico dubbio è su quale collante utilizzare. 

Link to comment
Share on other sites

Bello il lavoro che hai fatto, ma hai tagliato a mano le 2 lastre di alluminio? Avevo pensato una cosa simile e per non complicarmi la vita volevo usare il policarbonato; tieni conto comunque che Il Lexan è un policarbonato, le caratteristiche meccaniche non sono male visto che viene utilizzato per le protezioni e per gli oblò, l'unico dubbio è su quale collante utilizzare. 

 No son tagliati al laser.....a far una roba così a mano quando hai finito ti ricoverano in un centro di igene mentale !!!!

 

Si di quei materiali plastici ce ne sono una marea di tipi, di solito quelli che si trovano in giro sono veramente scarsi pperò, lexan è quello che usano anche per le lenti degli occhiali da moto o le visiere da casco, non si graffia e non si spacca

 

I fari arrivano dall' UK ma sono made in taiwan e a occhio son gli stessi commercializzati dalla barracuda (a quasi il triplo del prezzo), a me sembrano simmetrici e sono omologati, domani controllo tutte le sigle (cosa che se ti fermano secondo me non sanno neanche dove partire per controllarle).

Link to comment
Share on other sites

Si idubbiammente sparano molta più luce ma li ho provati con gli originali ma non mi hanno entusiasmato e poi non escludo che scaldino più delle 55w. Invece stavo valutando il kit led con le ventoline da 3000lm ma non so la resa.

 

 

scusa ma come possono scaldare di + se sono da 35W?? è fisica....

Link to comment
Share on other sites

Avevo pensato di mettere una guarnizione tra piastra e vetro.....ma poi non l'ho fatto. Grave errore, nella notte si è crepato un faro. Ora devo prendere una parabola di ricambio, aggiungere una guarnizione e magari tirare con dinamometrica.

 

Comunque ho guardato sui fari e hanno la freccia a due punte quindi sono sia per guida a destra che a sinistra e sono omologati E4 ..... le altre sigle non son stato a guardarle !!

Link to comment
Share on other sites

scusa ma come possono scaldare di + se sono da 35W?? è fisica....

 

Si, ma lampada alogena sfrutta un principio che è quello dell incandescenza di un filo di tungsteno, e al di la del wattaggio ha la sua temperatura di esercizio, mentre lo xseno sfrutta il principio della scarrica dei gas, questa ha un'altra temperatura tra l'altro sviluppa molta più luce di conseguenza scalda di più.

Link to comment
Share on other sites

..... tra l'altro sviluppa molta più luce di conseguenza scalda di più.

 

 

E come la mettiamo con le lampade ad infrarossi......??? :rolleyes:

 

Una lampadina più calore emette e meno luce fa proprio perché i watt se ne vanno in calore a discapito della luminosità come quelle a infrarossi che emettono tanto calore e pochissima luce.

 

E' lo stesso motivo per cui le lampadine a basso consumo casalinghe consumano tanto meno, perché scaldano tanto meno.

Link to comment
Share on other sites

Si, ma lampada alogena sfrutta un principio che è quello dell incandescenza di un filo di tungsteno, e al di la del wattaggio ha la sua temperatura di esercizio, mentre lo xseno sfrutta il principio della scarrica dei gas, questa ha un'altra temperatura tra l'altro sviluppa molta più luce di conseguenza scalda di più.

 

ah si? allora abiamo scoperto l'energia gratis.... che figata!

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...