Jump to content

Lex

Ospite del club
  • Content Count

    3,503
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

1 Follower

Contact Methods

  • Website URL
    http://

Profile Information

  • Sesso
    Male

Previous Fields

  • Città
    Svizzera Nord
  • Provincia
    Outside Italy
  • Regione
    Outside Italy
  • Modello @
    RD 07

Recent Profile Visitors

3,539 profile views
  1. R.I.P.

    Cari membri di questo forum,

    purtroppo vi devo comunicare che mio fratello Lex non potrà più partecipare alle vostre discussioni.

    Qui sotto troverete l’annuncio di morte pubblicato sul giornale locale e la traduzione in italiano.

     

     

    “... e ci saranno sempre le tracce della tua vita,

    che ci ricorderanno di te e ci accompagneranno.

    Profondamente scossi e molto tristi ci congediamo da te.

    Dopo una lunga malattia sopportata senza lamentele

    ci hai lasciato troppo presto.

     

    Tu sei stato il supporto nella mia vita!

     

    Ci hai sempre impressionato con la tua calma, la tua sovranità,

    e la tua grande conoscenza.

    La tua natura adorabile e il tuo indimenticabile

    senso dell'umorismo ci mancheranno molto.

     

    Vivrai sempre nei nostri cuori.

     

    Con amore infinito e gratitudine”

     

    Alex_Todesanzeige_20190604.pdf

  2. A me mi sembra la vecchia storia... Copio un po da un mio vecchio post, perché quelli della mutanda del veccio Gianfranco parono spariti... ----------------- 2014 Le CDI delle RD03 non si rompono per ragioni elettriche, ma per ragioni meccaniche! Si rompono per la loro posizione sotto la sella. A furia di metterci il c**o sopra si rovinano i contatti ai connettori di uscita nella CDI. Specialmente quella sinistra. Quindi che tu la sostituisci con una o con due non risolve il problema principale. Bisogna riposizionarle in modo che la sella non tocchi più i connettori della CDI. Pero per far questo non bisogna per forza aspettare che si sia rotta. Basta pensarci prima e risparmiare un po di soldi. --------------- Il vecchio Gianfranco aveva poi trovato un sistema per fissare le CDI coricate con, se non ricordo male un pezzo di camera d'aria fatto un po a forma di mutande, in modo che il peso del pilota non possa più fare peso e danni su quei connettori. Le aveva spostate e rispostate, per alto e per lungo e per lato, quindi non mi ricordo in che posizione finale poi le abbia lasciate, ma comunque sono rimaste li sopra fra parafango e sella. Non ritengo neanche impossibile che non abbia anche formato qualche fossa con il fono ad aria calda nella plastica del parafango, per farle sprofondare un po. Ma come detto non mi ricordo bene.... Sara a voi ritrovare la posizione giusta. Se poi non sbaglio aveva anche portato fuori bordo il regolatore. C'erano un sacco di foto ma non le trovo più. Comunque alle vostre CDI sinistre (rotte) ci darei, o ci farei dare un occhiata prima di buttarle !! Spesso aprendo la parte del connettore con il Dremel e dando una risaldatina a tutti i contatti che si trovano appena sotto il connettore le fa riandare. Dopo un test poi si richiude con un po di resina. Non sempre va a volte sono salvabili.
  3. No, non vedo proprio, comunque il nero pare ancora bello... Semai prova un po a togliere solo le viti del "vetro" e vedi un po dove magari salta la mascherina...
  4. Nessuno vede i tuoi gommini.... Quello che posso dirti è che normalmente il trippo NON tocca il cupolino. Ci passi con un dito. Non ho neanche mai sentito/letto che sia andato a toccare per gommini rotti o consumati. Quindi se dovessi indovinare, direi modifica o telaietto piegato dopo caduta/incidente.
  5. Mastico con un dente solo, eh... Tanto il buco c'è da un bel po penso, e quanto pare, sia tu e altri l'avete usata cosi senza problemi strutturali. Poi quanto ho letto nel altro post, il buco è profondo solo 15mm, Quindi tenere tiene... Al limite ci incollerei la vite che ci stava prima. Magari anche tagliandoci poi la testa a raso alberino. Giusto per riempire il buco e per darci quel pelino di rinforzo La saldatura interne me la scorderei subito! Troppo facile fare danni seri che altro.
  6. E per capire che "in realtà" rimane troppo tesa con quale metodo l'avete paragonata? Garantito che non hai fatto danni !! Penso che se questo metodo dovesse fare danni nei ultimi 15 anni di on/off li avrei già dovuto incontrare Se la catena tocca solo la maglia sulla fascia nera (moto sul cavalletto centrale, ruota post alzata, cambio in folle e usando un po di forza) puoi smontare il mono ed alzare la ruota fino in cima che la catena non è mai sotto tensione e ha anche un po di riserva, per il caso che in Off ci vada a finire in mezzo qualche rametto. E quello è l'unico che conta. Tenerla più lasca non serve a niente. (Io uso un pignone da 15. Con il pignone originale da 16 è ancora più evidente che le maglie provenienti dal pignone non toccano e la catena rimane ancora un pelino più lasca.) Siccome usando questo metodo la ruota non è sottoposta al carico della moto, non dipende dal carico. E siccome il forcellone rimane a penzolone nel mono, non è mai sottoposto allo stato del mono. Che il mono abbia fatto 300.000km o sia revisionato di fresco non cambia niente. Le circostanze di misurazione sono sempre le stesse e il test si può effettuare anche dal benzinaio con la moto caricata per le ferie, che il risultato sarà sempre lo stesso. Tutti gli altri metodi, compreso quello della Honda con il lasco di 35-45mm a metà catena, , vanno effettuati con la moto sul cavalletto laterale e quindi è sempre sottoposto al carico attuale della moto, lo stato del mono e la posizione della regolazione precarico e quindi imprecisi. Il Problema è che HONDA deve offrire un metodo che permette di controllare il lasco della catena senza usare il cavalletto centrale, perché il cavalletto centrale è un optional. Usando quel metodo la catena sarà sempre troppo lasca! Identico problema con il metodo degli Inglesi (Atic.org) con i 7cm fra forcellone e catena, nel punto del profilo della gomma. Anche questo metodo viene effettuato sul cavalletto laterale ed è sottoposto agli stessi problemi dell metodo HONDA e sarà sempre troppo lasca. Quindi se andate a paragonare il metodo della fascia nera con i metodi sul cavalletto laterale vi risulterà sempre troppo tesa - Logico ! Se volete verificare il metodo, registrate la catena col metodo della fascia, notatevi la posizione dei eccentrici al perno della ruota, smontate il mono, rimontate catena e ruota con gli eccentrici al posto di prima e sollevate la ruota fino in cima. Questo è quello che abbiamo fatto noi. Vedrete che nel punto più teso, cioè quando asse pignone, asse forcellone e asse ruota sono allineati, ha ancora abbastanza lasco. Di più non serve.
  7. Tieni conto che il nostro alternatore non ha tensione di sollecitazione. Cioè non produce corrente solo quando serve. Il nostro alternatore produce a secondo dei giri del motore. Più gira, più produce. Che la corrente serva o no. La corrente non utilizzata la viene neutralizzata dal regolatore mandando a corto controllato, trasformando corrente in calore ed eliminandosene tramite le alette. Quindi meno corrente utilizzi, più il regolatore scalda il regolatore. È il suo lavoro scaldarsi ! Poi non so di preciso.. non sono mai andato a misurarci la febbre. Se mai montaci 2 H4 e tieni le luci accese
  8. Ma le nuove guarnizioni le avevi nel kit, no? Non le avrai mica montate sulle vecchie, vero ? Non so che dirti, sono già difficili da montare se sono perfette nuove di zecca. Se sono già ammaccate e deformate la situazione non migliora d i certo. Io le prenderei nuove.
  9. No allora pare in ordine. Poi specialmente il giallo/rosso e il verde/rosso non portano nessun carico. Devono solo comandare il magnete del relè. Controllare un fusibile con il tester è una cosa che uno proprio se lo può risparmiare. Basta una venatura che se lo testi in mano è perfetto. Appena lo infili nel portafusibile, magari sta un po sotto tensione (meccanica) che già non va più. E se non va più sei già stato fortunato perché magari te ne accorgi. Spesso però ti fa imbestialire perché va e non va, va e non va. E te sei convinto che sia buono perché lo hai testato.
  10. La massa delle bobine non centra niente con l'avviamento. Poi semai non partiva neanche col fili diretto da massa. Anche la massa dei farei non centrerà niente con l'avviamento ma il telaietto e un telaietto pitturato attaccato con 2 viti ad un telaio altretanto pitturato , con 2 perni che probabilmente non toccano metallo nudo da nessuna o quasi nessuna parte. Quindi è la massa più schifosa che puoi trovare un tutta la moto. Quella la cambierei senz'altro. Cerca di prenderla al telaio ma prima del cuscinetto sterzo. Ma i faston in quel blocchetto li sopra al relè, li avevi cambiati o riusati? E tanto per eliminare una stupidaggine. Il fusibile da 30A lo hai mai cambiato o è sempre quello dal inizio di lavori ? Sai com' è, no?
  11. mumble mumble davvero Hmmm.... Allora... Il giallo /rosso proveniente dal blocchetto chiave deve portare 12V per forza, perché dici che se dai massa diretta al contatto della massa parte senza problemi. Il rosso/bianco proveniente dal regolatore deve portare 12V perché altrimenti in marcia non caricherebbe e anche se non caricherebbe partirebbe lo stesso Il Rosso deve essere a posto altrimenti avresti l'orologio nel trippo (e altre utenze non tanto visibili fuori uso) ma quanto pare l'orologio funziona. E il verde/rosso e tutto il circuito di sicurezza dici che funziona a dovere. E mumble mumble davvero Quasiquasi proverei a staccare il filo grosso +12V che va al motorini di avviamento e proverei a sentire se il relè "clicca" sempre quando provi a farla partire. Non che sia il relè fasullo che ci prende per i fondelli.
  12. Se fosse solo l'interruttore della frizione a cavalletto abbassato e cambio in folle dovrebbe partire lo stesso.
  13. Ma cosa vuoi andare a trafficare nei diodi e aprire trecce alla cieca ??? Prima verifica se il filo verde/rosso porta massa sotto le circostanze scritte sopra. Poi è fatto in 5 minuti senza smontare niente. Basta un multimetro che misura la continuità fra il rosso/verde e telaio/massa. Solo cosi potrai venire a capire se è veramente un diodo fasullo e se mai quale.
  14. Il verde/rosso e il filo che porta massa sul relè di avviamento (solo) se 1. il cavalletto è alzato e 2. la frizione e tirata o pure il cambio è in folle. Se quel filo non porta massa il relè non ha di massa per potere attirare il contatto che fa partire il motorino. Se tu ce lo porti direttamente dalla batteria, bipassi tutto il sistema di sicurezza e la fai partire, solo che non capisci da dove possa venire l'errore. Importante è capire sotto quali condizioni il verde/rosso porta massa. Quinti vedi un po se al filo verde/rosso (staccato dallo spinotto) trovi massa sotto queste condizioni. 1. Cambio in folle, frizione non tirata, cavalletto alzato --> deve portare massa (+ la spia folle deve essere accesa) 2. Cambio in folle, frizione non tirata, cavalletto abbassato --> NON deve deve portare massa (+ la spia folle e cavalletto devono essere accese) 3. Marcia inserita , frizione tirata, cavalletto alzato --> deve portare massa (niente spie) 4. Marcia inserita , frizione non tirata, cavalletto alzato --> NON deve deve portare massa (niente spie) 5. Marcia inserita , frizione tirata, cavalletto abbassato --> NON deve deve portare massa (la spia cavalletto deve essere accesa) Poi forse si vede un po più chiaro
×
×
  • Create New...